diy diy kayak tappanaso

Il tappanaso da 1 Euro

Quando si pratica il whitewater kayaking è molto utile avere un tappanaso, che protegge le nostre vie respiratorie dall'acqua gelida che entra quando ci troviamo con la testa sott'acqua. Non capisco perché, ma questo semplice gadget viene venduto nei negozi specializzati a prezzo veramente salato. Si tratta in effetti di un filo di rame abbastanza spesso con un po' di plastica morbida alle estremità. Il mio si è rotto dopo due anni di utilizzo e spendere altri 12 euro per una cosa che posso farmi da solo con meno di un euro proprio non mi piaceva.

Così mi sono armato di pinza, ho ordinato un po' di sugru e ho recuperato altro materiale a buon mercato:

  • Circa 9cm di filo di rame, diametro 3.5mm, solitamente usato per educare i bonsai. Anche quello da 2mm dovrebbe andare bene.
  • sugru
  • pinza/trancino

Materiale

Ho tagliato con il trancino circa 9 cm di filo di rame, quindi l'ho modellato come in foto.

Filo di rame piegato

Già così funzionerebbe, ma è un attimo fastidioso avere del rame appuntito che spinge sulle narici. Allora ho coperto le estremità con un po' di sugru, che quando si asciuga diventa solido, ma leggermente morbido, esattamente la consistenza piacevole che serve al nostro naso.

Aggiunta del Sugru per naselli

Visto che avevo avanzato sugru e filo... eccone altri due! Con 5 grammi di sugru e 30cm di filo si riescono a produrre tre tappanaso.

Alcuni esempi

Consiglio anche di usare un laccio da scarpe (o qualcosa di simile) per legarlo al caschetto per non perderlo.
Per questa aggiunta bastano:

  • laccio da scarpe
  • pinzatrice
  • accendino
  • forbici

Con laccio

Pinzare un'estremità del laccio al tappanaso. Tagliare l'eventuale eccedenza. Scaldare con l'accendino per evitare che si sfaldi.

Particolare laccio

Creare un'asola fissa all'altra estremità, lasciando circa 15cm di spago, cioè la distanza fra il naso e l'attacco del caschetto. Tagliare l'eventuale eccedenza. Scaldare con l'accendino per evitare che si sfaldi.

Taglio laccio

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo! Commentalo!

comments powered by Disqus